In questo post per i fiori da interno e da giardino ci concentreremo su Pachistahis, una pianta erbacea o arbustiva molto bella e senza pretese originaria del Sud America. Questo genere di 12 specie di arbusti sempreverdi perenni, proprio come Krosandra, appartiene alla famiglia delle Acanthaceae. Di tutti i rappresentanti, solo tre sono coltivati ​​e coltivati ​​in un ambiente controllato - Pachystachys coccinea, Pachystachys lutea e Pachystachys spicata, mentre il resto può essere visto solo nei loro habitat naturali. Il suo nome deriva dal greco pahi (παχύ - spesso) e stachis (σταχυς - classe / pannocchia di mais), a causa delle specifiche e brillanti brattee gialle, giallo-arancio o rosse. Nelle regioni tropicali e subtropicali, dove la temperatura non scende sotto i 10 gradi, il pahistahis può essere coltivato come pianta da giardino, mentre nel resto del pianeta è un fiore da interno o da serra.

La specie gialla più comune (Pachystachys lutea) è un semi-arbusto che raggiunge fino a un metro di altezza, con steli verdi che ricoprono la corteccia dell'albero alla sua base. C'è una densa massa verde di foglie cruciforme con vene convesse. Fiorisce da marzo-aprile a settembre-ottobre, formando brattee dorate, con fiori bianchi o color crema.
Il phystachys rosso (Pachystachys coccinea), detto anche "Guardiano del Cardinale", per la sua somiglianza con le penne di guardia, è l'altro comune rappresentante, che però può crescere quasi il doppio.





La pianta non è capricciosa, ma se non si presta la minima attenzione, non si abbandonerà alla sua fioritura rigogliosa. Il pachistachis ama la luce e l'aria fresca, ma le correnti e il sole molto forte devono essere evitati. Poiché è bello essere all'aperto durante i mesi estivi, la sua posizione non dovrebbe essere ventilata e sebbene si senta bene alla luce solare diretta al mattino e al pomeriggio, non dovrebbe essere evitata la luce solare diretta.

Come tutte le piante tropicali, la pachistachis si sente meglio in un ambiente di temperatura intorno ai gradi 20-22, con l'estate non desiderabile superare 25. In inverno o nel periodo ottobre-marzo, si consiglia una gamma di gradi 16-19. L'aria condizionata è necessaria, perché in caso di improvvisi cambiamenti, alcune foglie potrebbero gocciolare. Abbassare i gradi inferiori a 13-14 rappresenta già un grave rischio per l'impianto.

L'irrigazione deve essere abbondante e frequente, con acqua fredda rimasta, ma il terreno deve essere drenato molto bene per non trattenerlo. Durante la fioritura, fai attenzione a non bagnare i fiori. Il terreno non dovrebbe asciugare durante i mesi caldi, mentre durante l'irrigazione fredda è diluito. L'elevata umidità intrinseca nell'ambiente naturale per la pachistachide lo fa sentire molto bene con spray, docce calde, umidificazione, ecc.

Una moderata nutrizione del suolo con complessi minerali fioriti è benvenuta durante il periodo di fioritura. È consigliabile ripiantare un anno o due sostituendo gran parte del substrato per ridurre l'acidità. Il nuovo strato di terreno deve essere molto ben drenato.

Sebbene cresca lentamente, la potatura periodica del pachistachide avrà un buon effetto sulla densità e sulla fioritura. La propagazione avviene mediante talee di colore nel periodo di fioritura, che vengono poste in acqua dolce e fredda fino a quando appaiono le radici.